Che Cos'è l'Okonomiyaki e Come Prepararlo a Casa

che-cos-è-l-okonomiyaki-e-come-prepararlo-a-casa

Quando si parla di cucina giapponese non si può non nominare l'Okonomiyaki, una vera e propria prelibatezza tipica del Sol Levante.

L'Okonomiyaki è ricchissimo di ingredienti e ha un sapore che mixa sapientemente il salato all'agrodolce.

Sai cos'è l'Okonomiyaki? Scopri nel nostro articolo tutti i segreti e come preparare in casa uno dei piatti tipici della cucina giapponese!

Che Cos'è l'Okonomiyaki

Definita pizza giapponese o, in alcuni casi, pancake, si tratta di un piatto del quale non esiste una ricetta certa, e ciò si evince anche solo dal suo nome, che letteralmente significa “ciò che vuoi alla griglia”.

Una cosa è sicura, ovvero l’impasto di base, che si realizza con farina, uova, latte e foglie di cavolo. Il resto è a discrezione di chi lo prepara: ci si possono aggiungere tantissimi ingredienti tra carne e pesce.

Il piatto è disponibile in tutto il Giappone, ma è particolarmente popolare nelle città di Osaka e Hiroshima.

L'Okonomiyaki di Osaka

La ricetta degli Okonomiyaki di Osaka è quella più conosciuta sia in Giappone che all’estero.

In questo caso si prepara la pastella e si aggiungono gli ingredienti più disparati. L’Okonomiyaki viene poi cotto sulla piastra e servito con salsa okonomi, katsuobushi e altri toppings a discrezione personale.

La variante più famosa della ricetta degli Okonomiyaki di Osaka prevede l’utilizzo di pancetta di maiale. Altri ingredienti molto utilizzati sono i gamberi e i molluschi, oppure gli spinaci e il formaggio filante.

L'Okonomiyaki di Hiroshima

La differenza principale tra l’okonomiyaki di Osaka e quello di Hiroshima non è negli ingredienti ma nella preparazione.

Mentre ad Osaka pastella e cavolo vengono mescolati tutti insieme a Hiroshima si preferisce procedere per strati cuocendo prima un po’ la pastella, poi aggiungendo abbondante cavolo cappuccio, poi carne o pesce e sopra ancora soba e volendo anche un uovo fritto.

Anche qui, la differenza fra gli ingredienti rende l’okonomiyaki molto differente in sapore tra una versione e l’altra, soprattutto l’utilizzo degli spaghetti di grano rende molto intrigante la texture, poichè la soba sulla piastra si cuoce formando una crosticina molto appetitosa.

In ogni caso l’okonomiyaki di Hiroshima è meno diffuso di quello di Osaka anche per la complessità della tecnica di cottura: mentre la pastella è più o meno semplice da gestire, la cottura a strati presuppone una certa manualità che si acquisisce col tempo.

La Storia dell'Okonomiyaki

L'Okonomiyaki è stato inventato in Giappone prima della seconda guerra mondiale e si è evoluto diventando popolare durante e dopo la guerra.

Durante gli anni '20 e '30 del secolo scorso, il piatto continuò ad evolversi con maggiore enfasi sulle salse aggiunte e iniziò ad essere usato il nome Yoshokuyaki.

Il nome Okonomiyaki è nato alla fine degli anni '30 ad Osaka. A Hiroshima in quel periodo era popolare un cibo simile a una crepe: era condito con cipolle, piegato e servito ai bambini come spuntino. 

Okonomiyaki, nelle sue diverse varianti, ha iniziato a diventare più popolare durante la guerra quando il riso è diventato scarso e i residenti hanno dovuto essere creativi nell'usare altri ingredienti più facilmente disponibili. 

Durante e dopo la guerra, le persone iniziarono ad aggiungere più ingredienti come uova, maiale e cavolo. Un ristorante di Osaka afferma di essere stato il primo ad aggiungere la maionese nel 1946

Come Prepararli in Casa

A casa gli okonomiyaki si preparano in padella e vengono portati a tavola già tagliati, oppure viene montata una piastra elettrica in mezzo alla tavola in modo da cucinarli tutti insieme durante il pasto. 

Segui la nostra ricetta per vivere un'esperienza culinaria giapponese direttamente a casa tua!

Ingredienti per 2 Okonomiyaki

  • 100 gr di cavolo cappuccio
  • 1 cipollotto
  • 1 uovo intero
  • 1/2 cucchiaino di salsa di soia
  • 1/2 tazza di farina
  • 1/2 bicchiere d’acqua
  • Sale
  • Olio per friggere

Preparazione

Affettate finemente il cavolo cappuccio e trasferitelo in una ciotola con il cipollotto tagliato sottilmente, l’uovo, la salsa di soia, la farina e l’acqua. Regolate di sale e mescolate fino ad ottenere un composto omogeneo e privo di grumi.

Adesso fate scaldare una padella antiaderente su fiamma vivace ed ungetela con dell’olio. Una volta calda, versate sulla padella il composto precedente e modellatelo utilizzando una spatola fino a dare la forma rotonda di un pancake abbastanza spesso.

Una volta dorato il fondo dell’okonomiyaki, prelevatelo dalla padella e trasferitelo in un piatto da portata. Condite con la salsa prescelta e gustate caldo.

Alcuni Consigli 

Questo tipico piatto giapponese volte può essere difficile da perfezionare, soprattutto per chi non ha esperienza nell'arte della cucina giapponese. 

E così, per aiutarti a raggiungere quel piatto ideale, ti suggeriamo qualche consiglio!

  • Un errore comune durante la preparazione dell'Okonomiyaki è quello di sminuzzare il cavolo in pezzi troppo grandiQuesto può sopraffare il piatto e creare un gusto croccante. Prova a tagliare il cavolo in piccoli pezzi che si adattano facilmente all'interno.
  • Cerca di non mescolare eccessivamente la pastella, ma assicurati che l'aria entri nella pastella durante il processo di miscelazione.
  • Lo yamaimo grattugiato è un ingrediente importante in qualsiasi piatto in stile pancake. Dà al piatto quella consistenza soffice che può essere miscelata efficacemente con gli ingredienti dell'Okonomiyaki.
  • Un altro ingrediente importante nei migliori piatti Okonomiyaki è lo zenzero rosso in salamoia. L'ingrediente aggiunge un tocco di acidità al sapore saporito della farina di pancake, garantendo così quell'equilibrio idilliaco al palato.
  • L'okonomiyaki deve essere cotto per un breve periodo di tempo ad alte temperature per fornire quella consistenza soffice perfetta e un sapore profondo.

Se anche tu vuoi provare a cucinare questa gustosa pietanza direttamente a casa tua, non ti resta che metterti ai fornelli. Noi ti di Todoku ti auguriamo itadakimasu!

 

 


Post più vecchio Post più recente