Olimpiadi Tokyo 2020: Una Nuova Rinascita Sportiva

Olimpiadi Tokyo 2020: Una Nuova Rinascita Sportiva

Mancano pochi giorni all'inizio delle Olimpiadi di Tokyo 2020, l'evento sportivo più importante al mondo. 

Lo sport ha sempre rappresentato occasione di incontro, dialogo e partecipazione. Oggi più che mai, le Olimpiadi di Tokyo 2020 sono sinonimo di ripartenza e rinascita nel senso più profondo del termine, mista a prudenza e speranza.

Origine delle olimpiadi, cerimonia di apertura, programma e partecipanti: tutto questo e altro nel nostro articolo. Leggi ora per saperne di più!

Origine delle Olimpiadi

I Giochi Olimpici antichi erano delle celebrazioni atletiche e religiose che si svolgevano ogni quattro anni nella città di Olimpia, in Grecia, storicamente dal 776 a.C. al 393 d.C..

In particolare, i Giochi Olimpici prendono il nome da Olimpia, la città dell'Antica Grecia, dove si riunivano i migliori atleti per confrontarsi in competizioni sportive in onore di Zeus, re degli Dei.

Le prime Olimpiadi dell'era moderna si svolsero ad Atene nel 1896.

Per le prime tredici edizioni fu disputata una sola gara, la corsa dello stadion, misura corrispondente a circa 192 metri.

In seguito furono inserite altre gare di corsa e il pentathlon caratterizzato da cinque prove: corsa, salto in lungo, lancio del giavellotto, lancio del disco e lotta.

Più tardi appariranno nel programma dei giochi, gare ippiche con carri, il pugilato e il pancrazio. 

I giochi furono inizialmente riservati agli uomini. La partecipazione venne estesa alle donne solo all'inizio del IV secolo a.C. La prima vincitrice nella corsa con le quadrighe, nel 396 a.C. fu la spartana Chinisca, figlia del re Archidamo.

Inizialmente i vincitori venivano premiati con una corona di ulivo. In seguito le ricompense, divennero più consistenti procurando agli atleti onori e ricchezze.

Nel 1894, si istituì il Comitato Olimpico Internazionale (C.I.O.) che decise di effettuare la prima edizione dei giochi in Grecia ad Atene e ripeterli con cadenza quadriennale ogni volta in una città diversa. 

A partire dal 1896, i Giochi si svolgono regolarmente ogni quattro anni e raccolgono sotto un'unica bandiera atleti provenienti da quasi tutti i paesi del mondo.

Inoltre, lOlimpiadi di Tokyo 2020, non sono state le prime a non potersi disputare nell’anno previsto al momento dell’assegnazione.

Nella storia dei Giochi Olimpici moderni, esistono tre precedenti simili: le edizioni di Berlino 1916, Tokyo 1940 e Londra 1944 furono annullate, a causa dello scoppio delle due guerre mondiali.

Curiosità

Ti elenchiamo alcune curiosità sulla storia delle Olimpiadi moderne di Tokyo del 1964:

  • L’Olimpiade 1964 fu la prima ad essere trasmessa in diretta televisiva via satellite e fu anche la prima in cui il cronometraggio elettrico e la partecipazione degli sponsor furono resi ufficiali.
  • Il judo e la pallavolo furono introdotte come nuove discipline.
  • L’ultimo tedoforo, colui che accese il braciere olimpico, era un sopravvissuto alla bomba nucleare lanciata su Hiroshima 19 anni prima, essendo nato esattamente un’ora dopo l’avvenimento del disastro.
  • Durante la cerimonia d’apertura, non venne suonato l’inno del Kenya perché nessuno era in grado di suonarlo. Venne sostituito dall’esecuzione dell’inno nipponico.
  • Grandissime innovazioni nell’atletica leggera: per la prima volta venne utilizzato un sistema di cronometraggio totalmente automatizzato, con l’avvio del cronometro collegato alla pistola dello starter.
  • Il fondo della pista è in materiale friabile, sarà l’ultima volta per un’Olimpiade.
  • È la prima partecipazione assoluta nell’atletica leggera per Mongolia, Nepal, Repubblica Dominicana, Hong Kong. Inoltre, appaiono sul palcoscenico olimpico gli stati africani di recente indipendenza: Congo, Ciad, Costa d’Avorio, Camerun, Madagascar, Mali, Senegal, Tanzania e Zambia. Giamaica e Trinidad e Tobago, ottenuta l’indipendenza dal Regno Unito, possono gareggiare con la propria bandiera. Ritornano Colombia, Perù, Singapore e Vietnam.

Olimpiadi 2020: Programma e Date

Le Olimpiadi di Tokyo 2020 inizieranno ufficialmente il 23 luglio 2021, con la tradizionale cerimonia di apertura, che si terrà il 23 luglio alle ore 13 (orario italiano) durante la quale gli atleti dei vari Paesi sfileranno nel nuovissimo Stadio Nazionale di Tokyo.

Seguiranno poi le Paralimpiadi, in programma dal 24 agosto al 5 settembre 2021.

È la quarta volta che il Giappone ospita la competizione sportiva. La prima è stata 57 anni fa, nel 1964, seguita da Sapporo 1972 e Nagano 1998, ma in questi due casi erano i Giochi invernali.

L’Italia sarà presente in 36 discipline differenti. Il numero degli azzurri è arrivato a quota 384, con 198 uomini e 186 donne.

Saranno protagonisti ben 33 sport (50 discipline), verranno messi in palio ben 339 titoli.

Oltre 10000 atleti si fronteggeranno con l’obiettivo di mettersi al collo almeno una delle 1089 medaglie che verranno consegnate in poco più di due settimane di gara (in 72 specialità si assegneranno i doppi bronzi).

Ci aspettano 19 giorni di gare, perché già mercoledì 21 e giovedì 22 luglio assisteremo ad alcuni incontri di calcio e softball.

Nel Sol Levante ci sarà la prima volta storica per arrampicata sportiva, skateboard, arrampicata, surf, karate e ci sarà il grande ritorno di baseball e softball.

La prima settimana sarà dedicata al nuoto, mentre l’atletica leggera sarà la protagonista della seconda settimana.
La ginnastica è distribuita lungo l’intero periodo, la scherma è focalizzata in particolar modo nella prima settimana.

I tornei degli sport di squadra ci terranno compagnia dall’inizio alla fine, tra fase a gironi e fase a eliminazione diretta.

Inoltre, a causa dell'emergenza da Covid-19 i giochi olimpici si svolgeranno senza pubblico.

Per il programma dettagliato sulle Olimpiadi Tokyo 2020, ti suggeriamo di visionare il calendario delle gare sul sito del Coni.

logo-olimpiadi-e-paraolimpiadi-tokyo-2020

Cerimonia di Apertura

La tradizionale cerimonia di apertura delle  Olimpiadi di Tokyo 2020 sarà a numero ridotto: poco più di 6000 gli sportivi che parteciperanno alla cerimonia, circa la metà del numero stimato prima che le Olimpiadi venissero rinviate. 

La tradizionale sfilata degli atleti giunti da tutto il mondo, intervallata da musiche e spettacoli vari, si terrà nel nuovo Stadio Nazionale di Tokyo il 23 luglio.

Gli atleti entreranno nello stadio secondo un ordine dettato dalla tradizione olimpica. In qualità di creatore delle Olimpiadi, la squadra greca entrerà per prima.

Altre squadre entreranno in ordine katakana, cioè in base ai nomi dei paesi in lingua giapponese, la prima volta che accadrà questo poiché le precedenti Olimpiadi tenutesi in Giappone hanno utilizzato la lingua inglese .

Come da tradizione, la delegazione della nazione ospitante, il Giappone, entrerà per ultima.

Inoltre, tra i protagonisti della cerimonia di apertura delle Olimpiadi 2020 ci saranno i manga.

Il Comitato Organizzatore di Tokyo 2020 e il governo metropolitano di Tokyo (TMG) hanno celebrato i 100 giorni che mancano all’apertura dei Giochi Olimpici, con una suggestiva cerimonia che ha previsto l’esposizione dei cerchi olimpici sul Monte Takao, uno dei punti panoramici più panoramici di Tokyo, nonché un evento con le mascotte olimpiche e paralimpiche nel centro di Tokyo.

Adesso che sei più informato, non ti resta che attendere l'inizio dei Giochi Olimpici e tifare gli atleti della tua Nazionale!

vista-panoramica-città-di-tokyo

Se sei appassionato di sport, leggi anche il nostro articolo sulla storia dello sport nazionale Giapponese: il Sumo


Post più vecchio Post più recente